L’impossibile possibilità

Scritto da fra Costanzo Natali e Cristina Donno il .

shutterstock 30918667Ti rendiamo grazie, perché, come tu ci hai creato per mezzo del tuo Figlio, così per il santo tuo amore, con il quale ci hai amato, hai fatto nascere lo stesso vero Dio e vero uomo dalla gloriosa sempre vergine beatissima santa Maria, e per la croce, il sangue e la morte di lui ci hai voluti redimere dalla schiavitù. (FF 64)

Redimere in latino significava comprare ed era usato quando uno schiavo otteneva la libertà. La redenzione, nel Cristianesimo, indica il sacrificio di Cristo per liberare gli uomini dalla schiavitù del peccato. Quindi Dio ha comprato la nostra libertà e Gesù ne ha pagato il prezzo con la sua morte offerta in cambio della nostra vita.

Ma noi cristiani ci siamo accorti di questo sacrificio avvenuto e della redenzione ottenuta? Abbiamo capito cosa significa peccare e cosa significa redimersi e ottenere la salvezza? Peccare significa rompere la nostra fedeltà a Dio. Redimersi significa ritrovare questa fedeltà, corrispondere all’amore di Dio e sentirsi amati in modo totale.

Quando uno si sente amato è nella gioia: se litighiamo con qualcuno ci sentiamo male, dentro. Anche se siamo nella ragione, ci sentiamo “destabilizzati” e (non lo ammetteremmo mai) non vediamo l’ora di ritrovare l’armonia. Per questo, non peccare, ovvero corrispondere all'amore, con cui Dio ci ha amati per primo, è quanto di più bello ci possa essere.

E allora perché è così difficile farlo? Perché a volte ci sembra che, corrispondendo a questo amore paterno di Dio, non siamo sufficientemente liberi di gestirci la nostra vita, di cui invece vogliamo essere protagonisti e non partner. Non è invece infinitamente più bello poter vivere una vita all’interno di un cammino, certamente faticoso, di fedeltà al Signore, all’interno del quale si possa continuare a cercare qualcosa di nuovo? Non è infinitamente più bello camminare insieme all’amico, alle persone, che ci sono care, in un cammino di fedeltà all’amore reciproco?

Non è facile, ma abbiamo l’esempio di Dio, che anche quando ci accorgiamo di aver perso la più importante di tutte le possibilità, di esserci allontanati dalla possibilità di tornare indietro, ci ricorda che c'è un amore che ci sta aspettando, che ci aspetta sempre; l’unico amore al mondo che, nonostante tutto, sa, e vuole, ricominciare da capo.

Dio non ci ama solo quando siamo bravi, buoni e perfetti. Ecco perché noi non dovremmo mai stancarci di ricordare a noi, agli altri, che c'è sempre un impossibile possibilità: quella costituita dall'amore di Dio, che sa sempre ricominciare da capo, inondandoci dei suoi benefici, della sua redenzione.
I benefici della redenzione includono la vita eterna (Ap 5,9-10), il perdono dei peccati (Ef 1,7), la giustizia (Rm 5,17), la libertà dalla maledizione della legge (Gal 3,13), l’adozione nella famiglia di Dio (Gal 4,5), la liberazione dalla schiavitù del peccato (Tt 2,14; 1Pt 1,14-18), la pace con Dio (Col 1,18-20), e la presenza dello Spirito santo nella persona (1Cor 6,19-20).

foto: basel101658 / Shutterstock.com

Stampa