y=x²

local image yx2Se con lui patirai, con lui regnerai, soffrendo con lui, con lui godrai, morendo con lui sulla croce della tribolazione, possederai con lui le celesti dimore negli splendori dei santi e il tuo nome sarà scritto nel libro della vita e diverrà glorioso tra gli uomini (FF 2880).

y = patire - soffrire - morire.
Chiara descrive con lucidità una linea che agli occhi del mondo punta dritta allo zero. Sembra voler dire ad Agnese: «Non lasciarti ingannare, è proprio lì che devi andare!». Una cosa da folli! Certo, perché Chiara, follemente innamorata del Signore Gesù, sa che la traccia della sua vita non spegne lì la sua corsa.

x² = possedere - godere - regnare.
Chiara esorta Agnese a credere con fermezza che tutto quello che agli occhi del mondo appare come una sconfitta, è gloria agli occhi di Dio.
1= lui. Lui, che è la costante k, quell’1 che anche se non si vede, sappiamo che c’è. Con lui: ecco la chiave di tutto, la forza di Chiara, che poi è anche la forza di Agnese. Ma chi è questo lui? Il più bello tra i figli degli uomini, che è divenuto per la tua salvezza il più vile degli uomini (FF 2879) scrive poche righe prima. Se Chiara accetta di donarsi totalmente è perché conosce, ha totale fiducia e ama colui che per primo, per lei (per noi e per tutti) ha vissuto quella parabola di donazione totale, per amore.

Stampa