Al bivio: guarda a Cristo

shutterstock 38884159Se poi qualcuno ti dicesse altro o altro ti suggerisse che sia di impedimento alla tua perfezione e sembri contrario alla vocazione divina, pur dovendolo rispettare, non seguire il suo consiglio, ma abbraccia, vergine povera, Cristo povero (FF 2878).

Agnese si trova ad un bivio, deve scegliere: il Papa Gregorio IX la invita a mantenere alcuni terreni che garantirebbero il sostentamento delle sorelle. Lei ne è la madre, alle sue mani è affidata la loro custodia. Che fare? Accettare e vivere “assicurata dalle preoccupazioni”? Oppure non accettare l’offerta fatta dal papa, dal Papa in persona? E come dire “no” al Papa?

La risposta di Chiara è tenera e ferma. Due punti sembrano spiccare.

Il primo: “pur dovendolo rispettare” fa trasparire la premura e l’attenzione di Chiara a separare l’uomo da ciò che dice, fa o invita a fare. L’atteggiamento di Gregorio IX era di cura e sollecitudine, il suo proposito quello custodire le monache boeme. E l’uomo come tale è da rispettare (amare, direbbe Gesù) sempre.

Ma “non seguire il suo consiglio” aggiunge Chiara, perché è “contrario alla vocazione divina”, è un ostacolo, impedisce di abbracciare la povertà. Anzi, mi correggo, non la povertà, bensì Cristo povero.  Questo il secondo spunto di riflessione: non un ideale, non un’astrazione, non un traguardo da raggiungere, ma Cristo povero. Un uomo. L’Uomo, da abbracciare. Chiara sa che solo nell’abbraccio con Cristo povero è possibile trasformarsi.

Agnese è al bivio e Chiara le fornisce un’indicazione nitida: il suo dito è puntato a Gesù crocifisso.

foto: CWB / Shutterstock.com

Stampa