Ricco di luce

2012-02-29_ricco_di_luceCerco le parole tra molte poesie per descrivere ciò che vedo, la realtà, le cose che fanno parte della mia vita e che stanno lì, sullo sfondo del mio cielo, sull’orizzonte che rimane sempre a un passo che ancora non mi sento di fare.

E in quell’orizzonte riesco a scorgere, nitide, tutte le belle cose che mi sono fatto in dono, molte più di quelle che avrei desiderato o che pensavo di meritare, e così, guardando al passato, faccio i conti: quanti desideri realizzati che alla fine si sono rivelati essere solo “un’insolita emozione”, quante ore buttate a pensare quali rimpianti avrei preferito sopportare nella mia vita e quali rimorsi avrei voluto evitare.

Convinto che la vita fosse solo un volo che passa e va ho cercato di renderla più affascinante che potevo, arricchendola di tutto ciò che poteva rendere questo viaggio il più piacevole e comodo possibile. Ho raccolto i frammenti dei miei successi, perché almeno loro sapessero consolarmi nei momenti difficili ma erano solo fiori rotti dalla grandine, un ricordo di belle cose passate.

E alla domanda “dove va questo volo?” ha fatto eco solo il silenzio… nessuna poesia, nessuna parola sottratta alla penna di un filosofo… Allora ho apprezzato Quello che, discreto, rimaneva

all’orizzonte e sono tornato a guardare quel cielo e quel sogno che rimanevano là, come la cosa, la Persona che più mancava e ho fatto il passo che ancora non osavo fare. Ho varcato la soglia è ho attraversato quell’orizzonte che porta alla vita, quella vera e con questo tesoro ho ritrovato anche il mio cuore, perciò “posso dire già che torna il conto mio, posso dire che perciò alla Vita devo molto”…

 

Solo un volo

Testo e musica: Eros Ramazzotti

ORNELLA VANONI, Più di me (2008)

 

Quando penso a quello che ho vissuto io,
alle cose che mi han dato, alle cose che mi han tolto.
Posso dire già che torna il conto mio,
posso dire che perciò alla vita devo molto.
Qualche graffio sopra il cuore me lo sono fatto anch’io,
camminando nei roveti dei tormenti miei.
Meglio avere dei rimorsi o dei rimpianti è un dubbio mio,
ma ti dico che alla fine tutto quanto rifarei.
Se la vita è solo un volo che passa e va,
so che l’ho vissuta almeno, so che l’ho vissuta in pieno.
Poi non so se in fondo capita pure a te
che ti manchi ancor qualcosa anche se non sai cos’è.
Forse un sogno che è rimasto la dov’è
e comunque sia altro cielo c’è.
Quando penso a quello che ho vissuto io,
e a dove mi han portato, le mie scorrerie d’amore.
Imparando a riconoscere così,
un’ insolita emozione da un normale batticuore.
Ho raccolto fiori rotti dalla grandine però dopo quanti
temporali non saprei,
ma li ho ripiantati tutti, non mi sono arresa,
no perché poi almeno uno rallegrasse i giorni miei.
Se la vita è solo un volo che passa e va,
so che lo vissuta almeno, so che l’ho vissuta in pieno.
Poi non so se in fondo capita pure a te
che ti manchi ancor qualcosa, che ti manchi ancor
qualcosa
come a me…
Poi non so se in fondo capita pure a te
che ti manchi ancor qualcosa anche se non sai cos’è:
forse un sogno che è rimasto la dov’è
e comunque sia altro cielo c’è…
altro cielo c’è…

Stampa