Campi e operai

C’è posto per tutti

«La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».

Gesù vede il mondo come un campo di grano maturo, il cui frutto necessita di essere colto, accolto e raccolto.

Il mondo è già pronto: c’è una propensione al bene, una sete di buone notizie - e di Buona Notizia! - nel cuore di ogni uomo.
Ma è urgente la presenza di qualcuno che sappia ascoltare questo desiderio profondo, gente che lo sappia suscitare, far venire fuori… operai che sappiano coltivare il buono che c’è nell’uomo e siano capaci di far riconoscere nel Padre che Gesù ci ha fatto conoscere la risposta a ciò che il nostro cuore cerca da sempre.
Per fare questo non è necessario essere chissà chi e chissà quanto preparati: occorre avere individuato in sé questa stessa sete e aver trovato nel Vangelo di Cristo la sorgente per appagarla; e occorre che nessuno si improvvisi operaio, ma sia inviato dal Padrone del campo.

Buona Notizia: se desideriamo conoscere la via al nostro bene, possiamo chiedere che Dio mandi oggi qualcuno per raccogliere questa aspirazione.
Buona Notizia sei tu, se non ti tiri indietro dalla possibilità di essere, con parole o gesti semplici, operaio nel campo del Signore.

  

Tags: Lc 10, Tempo Ordinario, similitudine, evangelizzazione, annuncio, santi Timoteo e Tito, operai

Stampa