• Home
  • Giovani
  • Per pregare

«Facce ‘na grazia!»

Infantili

Tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

Quanto tempo avevano passato con lui? Quante volte ci avevano giocato insieme da piccoli? Quanti mobili o utensili prodotti nella sua bottega di falegname avevano in casa?

Eppure, ora, quel Gesù che avevano visto crescere, con cui avevano condiviso gioie e dolori, si presentava a loro in qualità di messia! E, pur avendo compiuto prodigi in altri villaggi, aveva anche l’ardire di non essere disposto ad accontentare la loro curiosa sete di miracoli, condita dal desiderio di esserne riconosciuti degni, in quanto compaesani.
Gesù non cede al ricatto e alla tentazione del favoritismo: sa che non basterà qualche guarigione perché essi possano credere; non accetta di entrare nella logica di una fede infantile del “do ut des”.
E, semplicemente, passa in mezzo a loro. Se ne va.

Buona Notizia: il vero miracolo che Dio compie per noi è quello di amarci.
Conversione oggi è cercare il modo per trattenere la grazia del Signore che passa tra me e te.

Tags: Elia, Nazaret, Lc 4, Eliseo, profeta, rifiuto, Tempo di Quaresima, Tempo di Quaresima: 3 settimana

Stampa