Centro!

Amare, anzitutto

«Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza… e il tuo prossimo come te stesso».

Viviamo in un’epoca segnata dal “fast”, dal desiderio di trovare ricette e soluzioni semplici e veloci per risolvere i problemi.

Il web e la carta stampata pullulano di diete per perdere peso velocemente - e, possibilmente, senza troppa fatica -, di “decaloghi” per questo o quello, di elenchi su tutto, per ogni gusto ed esigenza.
Niente di nuovo sotto il sole…
Anche al tempo di Gesù, si sentiva l’esigenza di fare sintesi: tra gli oltre precetti della legge mosaica e della tradizione giudaica, quale è il più importante, quale quello indispensabile?
Gesù ha le idee chiare. Ciò che conta, su tutto, è l’amore: amare Dio con tutto se stessi e amarlo nel prossimo. Un amore che si fa ascolto, un amore che “vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici”, più di ogni riduzione spirituale della realtà della fede.

Buona Notizia: essere discepoli di Cristo significa superare ogni struttura umana e religiosa… e percorrere la via dell’amore.
Conversione oggi è avere almeno un fratello o una sorella da amare e, così, rendere concreto l’amore verso Dio.

Tags: amore, scribi, Tempo di Quaresima, Tempo di Quaresima: 3 settimana, comandamento dell'amore, Mc 12

Stampa