• Home
  • Giovani
  • Per te
  • Inviteresti Gesù alla tua festa?

Per te

Un messaggio, una provocazione per ogni vita e ogni cuore giovane!

Sposarci… solo per amore!

Sposarsi…il matrimonio è la tomba dell’amore. L’unica legge della vita è il desiderio e il desiderio non può legarsi a niente e nessuno: è libero sempre. 

Ma è proprio il desiderio di amare un volto concreto che ad un certo punto ti chiede quasi con prepotenza di diventare una vita sola con la persona che senti di amare.

 

Se il coinvolgimento affettivo cala, se capita un’altra occasione, perché impedirsi di cambiare?

Le emozioni e le sensazioni possono cambiare, ma è troppo bello incontrare qualcuno che vuole bene a te più che ai suoi cambi di umore, che sta attento col cuore a non far calare la tenerezza, che ama la differenza tra il tuo volto, il tuo cuore, il tuo corpo e quello di un altro e che non si fa passare la voglia di amarti!

Leggi tutto

Stampa

Appartenere alla chiesa?

Che cosa mi succede se scelgo di appartenere alla Chiesa? Devo pensare che quelli che vanno in chiesa sono buoni e tutti gli altri cattivi? Devo rinunciare a ragionare con la mia testa? Devo dire che i vescovi e i preti della Chiesa non sbagliano mai e sono intoccabili?

Decidere di appartenere alla Chiesa significa scegliere di uscire da una fede privata, nella quale ognuno amministra un conto corrente individuale e criptato con Dio. 

Appartenere alla Chiesa significa riconoscere quel Gesù Cristo che affascina te è lo stesso che affascina altri giovani e adulti insieme a te, e che Lui ama te e loro con la stessa Passione.

Appartenere alla Chiesa significa scegliere di camminare con un popolo fatto di persone che non hai scelto tu in base alle tue simpatie ma che ha scelto Gesù.

Leggi tutto

Stampa

Rischiare oltre le parole: dalla passione di dire alla gioia adulta di mettere in pratica

C'è un tempo, Signore, in cui è troppo bello rimanere seduti ai tuoi piedi, ascoltarti, parlarti e lasciare che le tue parole insieme alle nostre diano vita a progetti di amore, ad architetture di Vangelo per noi e per il nostro mondo…

È avvincente ritrovarci a ragionare di Te con le persone che amiamo, condividere pensieri di futuro, nutrire desideri così belli che ci sembrano già realizzati, ipotesi di convivenza tra persone e popoli tanto giuste e rispettose della voglia di felicità di ogni uomo da domandarci: “Perché non è già così?”

C'è un tempo, Signore, in cui la parola ascoltata, la parola pronunciata, la parola condivisa nell’affetto e nell’amicizia sembra avere il potere di cambiare in meglio la realtà che abbiamo davanti.

Leggi tutto

Stampa