Dare la vita

Copertina dare la vitaMarzo-Aprile 2009

“Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici.” (Gv 15,13)
Bisognerebbe riuscire a crederci… Sarà poi vero che nella vita si può trovare un grande amore? Sono in tanti a dire che invece non bisogna illudersi, che è meglio avere piccoli amori, piccoli sogni, piccoli desideri. Meglio qualcosa di ridotto, di più assicurato, di non esposto al rischio che gli altri cambino idea e ti piantino da solo: così nel caso vada male si soffre di meno. Meglio non illudersi: non ci si deve più fidare di nessuno. Ognuno fa i suoi interessi, anche in amore, e allora meglio una storia banale stasera che un grande amore incerto e rischioso domani. Fa troppo male il sorriso sarcastico di chi ti guarda e ti dice con aria da donna o da uomo vissuto: “Ma dove vivi? Il mondo è cambiato!
I grandi amori non esistono più neanche nei film!”

Dare la vita… per poi rimanere a bocca asciutta e col sedere per terra? Non è affatto sicuro che dando la vita alla fine si vince la finale di Amici!
Dare la vita oppure combattere ciascuno la propria battaglia per difenderla con le unghie  e coi denti? A te chi ci pensa? La vita è una sola, dura poco anche quella, tutti cercano di avere successo approfittandosi del prossimo, e uno dovrebbe anche sprecarla? Se fai qualcosa per gli altri nessuno ringrazia, anzi ti dicono che probabilmente l’hai fatto per te, per esibirti e che queste cose vanno fatte in privato per non dare fastidio… È ora di smetterla di fare i buoni samaritani, di insistere con il buonismo! Così tutti stanno in pace e sono autorizzati a pensare solo ai propri interessi. Non si fa più niente gratis!
La medaglia d’oro alla memoria non commuove più nessuno… e se poi ti stufi la vita non deve essere un obbligo, un peso per altri: schiacci un bottone e scendi!
Gesù, che assume le ragioni profonde di tutto l’amore umano, ci risponde:
«Fa’ che siano tutti una cosa sola: come tu, Padre, sei in me e io sono in te, anch’essi siano in noi. Così potranno essere perfetti nell’unità, e il mondo potrà capire che tu mi hai mandato, e che li hai amati come hai amato me. (Gv 17,21.23).
L’abbraccio di Gesù, risorto e felice di aver dato la sua vita per noi, ci accompagni nel tempo pasquale!

Dare le vita.pdf 2.51 Mb

Stampa