C´è un tempo per gli affetti

C´è un tempo per gli affettiMarzo/aprile 2008

C’è un bimbo in mezzo alla strada, ho un tuffo al cuore, sono terrorizzato all’idea che possa essere investito, scatto per toglierlo dal pericolo. Ce l’ho in braccio sul marciapiede: gli voglio bene, provo un affetto grande per lui, e adesso cosa faccio? Ogni affetto che fiorisce nel nostro cuore (il luogo biblico dove affetto, volontà e intelligenza sono una cosa sola) è come il bambino di questa immagine: da dove è venuto? Come posso ascoltarlo? Che cosa posso dirgli? Cosa posso fare per il bene del bimbo? Come me ne prendo cura? Dove lo porto, con chi devo metterlo in relazione, cioè come lo educo?
Amerai con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua intelligenza, con tutto il tuo corpo, con tutta la tua volontà…
“Io vi do un comandamento nuovo: amatevi gli uni gli altri.
AMATEVI COME IO VI HO AMATO.” (Gv 13,34)
In questi giorni di Pasqua, Gesù ci insegna a vivere gli affetti: che cosa provava per i suoi discepoli, rivelatisi amici così fragili e pieni di contraddizioni?
Abbiamo bisogno di educarci di nuovo nell’arte di vivere gli affetti e i sentimenti.
Buon tempo pasquale,
fra Marcello


  C´è un tempo per gli affetti 2.04 Mb

Stampa