Fuori il nome!

Visto da me - Càpita

Credere che nominare il tuo nome sia vano, inutile, infrangerebbe il tuo comandamento: non posso crederti meno amore di ciò che sei!

pag03 Christopher S Penn 3956763480 b892e0f417 oCàpita di essere felici senza saperlo e càpita di avere un groppo in gola senza  motivo. Càpita quel bacio inatteso e quel dolore che pietrifica. Càpita di perdere le parole. E il senso. Se rivendichi i tuoi desideri, ti chiamano sognatore. Se sei preoccupato per il futuro incerto, ti chiamano pessimista. 

Tu Signore, come mi chiami? Forse mi chiami semplicemente per nome. Nello strepitio in cui tutti parlano anonimamente di noi, tu scandisci i nostri nomi. 

Ma in alcuni momenti, vengono avvolti dal tuo silenzio. Non è vuoto, lo so. Forse è soglia d’una zona sacra. Ma è silenzio. Refrigerio da un lato, contro vane parole propinateci come le lenticchie di Esaù; smarrimento dall’altro, come pipistrelli privati dell’udito. 

Ma mi hanno insegnato che i tuoi comandamenti sono parole di vita. E allora io credo: “Non nominare il nome di Dio invano”! I perché gridati o sussurrati con pudore, non sono invano. Credere che nominare il tuo nome sia vano, infrangerebbe il tuo comandamento. No, non ti farò il torto di crederti meno amore di ciò che sei. 

E seppur la valle è oscura, credo che sei lì a pochi passi. La valle resta oscura, ma quell’oscurità silenziosa è abitata da te. E allora sarà come quando parlavi a chi era respinto. Sarà come quando perdonavi. E quel cielo blu notte verso cui non invano sussurro il tuo nome, si trasformerà sotto i miei occhi: le stelle diverranno torce che sprigioneranno girandole di luce e il vento disegnerà vortici di colore e tutto si rivelerà per come è: un senso che va oltre ciò che si vede a occhio nudo. A cuore nudo. A mente nuda. 

Sarà come un quadro di Van Gogh. E allora capiterà la speranza. E sperimenterò che càpita che la vita sia capìta. Anche quando càpita di voler parlare ma si biascica, per il peso di una prova.

Stampa

Fotografie immagine di pagine 10-11 del pittore Umberto Gamba; immagini stock da Shutterstock.