Uno, basta

Musica & parole - Uno, e innamorato

Scritto da fra Giorgio Rizzi.

pag12 15 shutterstock 92754175Due sono, da sempre, le immagini che l’uomo si è fatto di Dio: o è onnipotente o non conta nulla, o c’è e può tutto o se non fa niente non esiste… e tra questi due poli ecco che stupendamente Gesù ci rivela l’unico volto del Padre, quello di un innamorato che per amore fa tutto, sempre, a più riprese, incurante degli insuccessi. E non ci scandalizzi parlare di un Dio che fallisce perché, seppure sia onnipotente, non può di certo fare tutto… non può fare la sua e la nostra parte, per questo aspetta una risposta… proprio come un innamorato, che ha il potere di mettere sul piatto della bilancia solo la metà dell’amore, pregando, sperando che l’altra metà gli arrivi come un dono, il regalo più bello dalla persona che più ama e che sola può donare l’equilibrio a quella bilancia che è la vita.

Quanti doni, quante lusinghe, quali attenzioni con il rischio poi di trovarsi con niente in mano ma sempre pronto a ricominciare, sempre disposto e disponibile per amore, tenace come il più perso degli amanti, pronto a sfidare altri spasimanti più attraenti, di bell’aspetto ma vuoti… capace di sopravvivere con quel poco o niente che riceve perché certo del fatto che lui solo può darti il meglio, lui, troppo buono.

Un solo Dio, uno solo capace di amarti appunto… da Dio!

“Ripenserai ancora a tutto il bene che ti ho dato solo e solamente io e a quanto il niente tuo per me fu tutto…”.

 

TIZIANO FERRO, Troppo buono
Testo e musica: T. Ferro
Tiziano ferro, L’amore è una cosa semplice (2011)

La metà di una bugia non fa la verità,
quindi nonostante tutto non potrò più amarti.
E mi prendevo in giro:
avevi tutta la vita davanti e lo capivo.
La metà di ciò che penso non l’ho scelto solo io 
perchè credere di amarti non sa bastarmi
e, anche stringendoci
o parlandone e negandolo, 
ripenserai ancora 
a tutto il bene che
ti ho dato solo e solamente io,
ripenserai ancora
a quanto il niente tuo
per me fu tutto
e per sempre hai perso un pezzo di me;
e lo sai che son stato troppo buono
ma che, stanco ormai, non posso più. 
Tutto quello che ho sbagliato lo so bene anche io, 
ma non sono mai arrivato a sentirmi così tanto inutile
e, in tempi avversi,
ti salvai la vita tante volte,: non ti accorgesti?
Ripenserai ancora a tutto il bene che 
ti ho dato solo e solamente io,
ripenserai ancora a quanto il niente tuo
per me fu tutto
e per sempre ho perso un pezzo di me;
e lo sai che son stato troppo buono
ma che, stanco ormai, non posso più. 
è vero: è complicato odiarti, 
nessuno al mondo può negarlo,
tanto meno oggi io, e… 
è vero è complicato amarmi, 
nè io nè te ci riusciamo:
io da sempre, tu per niente…
Ripenserai ancora a tutto il bene che 
ti ho dato solo e solamente io,
ripenserai ancora a quanto il niente tuo
per me fu tutto
e per sempre ho perso un pezzo di me;
e lo sai che son stato troppo buono
ma che, stanco ormai, non posso più.

Stampa